Perché scrivere per i bambini

Ci sono cinquecento ragioni per le quali ho cominciato a scrivere per i bambini, ma risparmierò tempo menzionandone soltanto dieci.

1.    I bambini leggono i libri, non le recensioni. Non gliene importa un fico secco dei critici.
2.    I bambini non leggono per trovare se stessi.
3.    Non leggono per liberarsi della colpa, per soddisfare la sete di ribellione, o sottrarsi all’alienazione.

4.    Non sanno cosa farsene della psicologia.
5.    Detestano la sociologia.
6.    Non tentano di comprendere Kafka o il Finnegan’s Wake.
7.    Credono ancora in Dio, famiglia, angeli, diavoli, streghe, folletti, logica, chiarezza, punteggiatura e altre cose altrettanto obsolete.
8.    Amano le storie interessanti, non i commenti, i manuali o le note a pie’ di pagina.
9.    Quando un libro è noioso, sbadigliano apertamente, senza vergogna o paura dell’autorità.
10.    Non si aspettano che il loro scrittore favorito redima l’umanità. Giovani come sono, sanno che non è in suo potere. Solo gli adulti hanno simili illusioni puerili.

Dal discorso letto in occasione dell’assegnazione del Premio Nobel a Isaac Basevish Singer.

Advertisements

2 thoughts on “Perché scrivere per i bambini

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s