Nel mare ci sono i coccodrilli

“Nel mare ci sono i coccodrilli” è l’ultimo libro di Fabio Geda, la copertina è di Marco Cazzato. Ne ho scritto più in dettaglio su Il Post.

Qui mi limito a dire che l’incontro con Fabio e con Enaiatollah è uno di quelli che ti fanno venire una gran voglia di raccontare le storie vere. E di ascoltarle, prima. Fabio a un certo punto mi ha detto che c’ha messo tre anni per sentirsi all’altezza di raccontare questa storia. Ecco, in questa cosa qui del sentirsi all’altezza mi sembra ci stia dentro tutta la forza di quel credere nella scrittura come responsabilità, prima di qualsiasi altra cosa. E di mettere quella responsabilità a disposizione di tutti. E infatti quando gli ho chiesto come pensava che la letteratura potesse aiutare i bambini come Enaiatollah, Fabio giustamente mi ha risposto che la letteratura può aiutare soprattutto noi: a conoscerli e accoglierli, “accogliere questi ragazzi è, prima di tutto, un regalo che facciamo a noi stessi, alla nostra società. Dovremmo accoglierli come atto di egoismo. Per sperare in un futuro migliore”.  Io confesso che leggendo il libro mi sono spesso emozionata, e che non mi capitava da un sacco di tempo. Mi è venuto naturale un paragone con Dave Eggers, pensando a un libro come What is the What e alla forza di narrazioni in cui si incrociano letteratura, immaginario e vita vera. Anche se la cosa più bella di tutte sulla forza della letteratura l’ha detta proprio Enaiatollah, d’ora in poi la mia storia la racconterò sempre come ha fatto Fabio.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s